Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare in questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori delucidazioni, leggere quanto segue I cookie

Vischio: un misterioso parassita

Nei tempi antichi, era la pianta magica dei druidi celti. Oggi non è solo una pianta dalle doti medicinali promettenti ma anche una popolare decorazione natalizia: il vischio. I suoi frutti bianchi le permettono di diffondersi in modo molto particolare.

Perché il vischio cresce sugli alberi?

Il nome inglese del vischio, ovvero "mistletoe", è imparentato con la parola tedesca "Mist", che significa "letame". Non è solo etimologia, è biologia! Se a beccofrusoni e tordele non piacessero così tanto le bianche bacche di questo affascinante vegetale, non lo seminerebbero così in alto. Sono questi voraci volatili che, affilando il becco su un ramo o una foglia o lasciandosi dietro il loro guano, fanno aderire i semi di vischio alla corteccia del futuro albero ospite. Non appena il seme germoglia, compare una giovane pianta di vischio. È un semiparassita che sottrae acqua e sali minerali all'albero, che li assorbe dal terreno. La pianta che, dopo un anno abbondante, emerge dagli alberi nudi d'inverno come una sfera verde abbondante e ben visibile, sospesa tra cielo e terra, era considerata medicinale dai popoli germanici. A questa pianta magica sono stati attribuiti nomi come erba del druido, bacca di tuono, erba del diavolo e scopa di strega. Se i nostri antenati appendevano rami di vischio sulle pareti come protezione contro gli spiriti maligni, oggi questa pianta velenosa ha una carriera come pianta officinale grazie ai sui effetti guaritori. Viene spesso usata per ridurre la pressione sanguigna e curare acciacchi comuni nella terza età, e persino per curare il cancro.

Dalla tradizione alla moda natalizia

Gli inglesi credono che un bacio sotto il vischio a Natale porti fortuna. Questa usanza è nata nel Regno Unito ma è da tempo diffusa anche nel resto d'Europa. I rami decorativi di questo arbusto sempreverde possono essere usati come decorazione di Natale o per l'Avvento fin da novembre. Riunite qualche ramo di vischio e legateli con un ampio fiocco rosso e bianco. Una corona di pigne, edera e vischio tempestata di bacche rosse è un'altra decorazione molto elegante. L'effetto magico delle bacche è particolarmente efficace se dividete i rami in mazzi non molto fitti e le mettete in semplici vasi di vetro.

Consiglio GARDENA Il vischio preferisce crescere sui rami giovani sulla cima della chioma. Essendo un semiparassita, disturba la crescita degli alberi ospiti, che si indeboliscono per la carenza di acqua e sostanze nutritive. Pertanto, in caso di infestazione, rimuovete il vischio quando è ancora giovane e tagliando il più in profondità possibile. Quindi trattate l'area con un unguento.

Commenti