Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare in questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori delucidazioni, leggere quanto segue I cookie

Speciale prato - Parte 2

In questo articolo continueremo a rispondere alle domande sui prati. Vi presenteremo informazioni interessanti sui vari tipi di prato e sull'estirpazione di erbacce e scarificazione.

Tipi di prato
È vero, ci sono diversi tipi di prato. Ma nel giardinaggio i termini si usano in modo diverso. Parliamo di "tipi di erba" per riferirci ai diversi tipi di erma in un mix di sementi (normali mix di sementi), p. es. varietà di festuca o loglio. E parliamo di "tipi di prato" per riferirci a prati decorativi, a uso misto, sportivi o per altri scopi - perché hanno funzioni diverse. Per esempio, un prato decorativo non è altrettanto resistente allo stress in un giardino domestico quanto un prato per uso misto, che è più adatto ai giochi dei bambini (spesso viene detto "prato per giochi"). Tuttavia, questo tipo di prato non sarebbe adatto per un campo da calcio, perché in quel caso l'erba deve sopportare molto più stress. Per un campo da calcio occorre un prato sportivo. Il mix di sementi definisce più nel dettaglio il tipo di prato. Dopotutto, c'è un mix di sementi giusto per ogni tipo di prato.

Annaffiare il prato
Tradizionalmente, l'erba viene annaffiata con gli irrigatori. Se la si annaffia durante il giorno, parte dell'acqua evapora e non viene usata. Per questo motivo son sempre più diffusi sistemi più intelligenti ed efficienti che permettono di risparmiare acqua. La soluzione più elegante, ormai lo standard a livello professionale, è rappresentata dagli irrigatori interrati. Oggigiorno potete trovare giardinieri specializzati in questo tipo di irrigatori. Investendo in un sistema come questo potrete godervi anni di tranquillità, in cui annaffierete il prato con la pressione di un pulsante o usando un computer apposito. Per chi invece preferisce gli irrigatori tradizionali, i negozi specializzati possono offrirne molte varietà che possono essere configurate specificamente per la forma e le dimensioni del prato in questione. In questo modo viene annaffiata solo l'erba, non mezzo giardino. Secondo gli agronomi, il momento migliore per annaffiare il prato è tra le 3 e le 6 del mattino. Non c'è bisogno di alzarsi all'alba: basta un timer o un computer.

Fertilizzare il prato
Quando tagliate l'erba, togliete nutrimento al prato: per ogni kg di erba tagliata, togliete 30 grammi di azoto, 20 grammi di potassio e 10 grammi di fosforo. Queste sostanze vanno rimpiazzate. I prati decorativi hanno bisogno di meno concime dei prati su cui si cammina o che sono sotto stress. Normalmente, un prato va fertilizzato ogni quattro o cinque settimane da marzo/aprile per finire con un'ultima concimazione autunnale per prepararsi all'inverno, dai primi giorni di settembre alla metà del mese. Tuttavia ora vi sono differenze, adesso che sono disponibili fertilizzanti per prato a lunga durata e fertilizzanti specifici per l'autunno. Continueremo sempre a ripeterlo: prestate la massima attenzione alle informazioni del produttore sulle confezioni del concime. In questo modo potrete anche sapere se potete usare concime composito invece del concime da prato. Controllate il rapporto di miscelazione del concime composito - azoto: fosforo: potassio. Per i prati, l'ideale è 10:3:3-5.

Sostituti dell'erba
Se l'idea di prato per voi è una "struttura" piana e verde, potete sostituire l'erba in alcuni punti. Nei punti in cui l'erba cresce male e nelle aree che non vengono usate di frequente, potete usare cespugli invece dell'erba. Alcuni cespugli possono essere calpestati senza molti danni; per questo vengono spesso scelti per sostituire l'erba. In particolare, si tratta di: alisso montano, aubrieta e leptinella, sassifrago, camomilla romana, musco d'Irlanda e Acaena caesiiglauca. Fate attenzione con quest'ultima perché produce frutti spinosi, che sono un problema per chi cammina a piedi nudi. Questi consigli valgono per le aree soleggiate. In aree ombreggiate, è meglio usare fragola di bosco o Potentilla sterilis (ma non Waldsteinia ternata, che non è abbastanza bassa). Nelle aree ombreggiate dove il verde può essere un po' più alto, il fiore del cuculo (tiarella), gli ibridi di nemesia e geranio sanguigno sono adatte come piante verdi intelligenti e con bei fiori.

Rivestimento erboso
Il rivestimento erboso può essere usato ad esempio per il vialetto d'accesso o il posto auto invece del selciato. Ricordate però che non è una superficie comoda per camminarci con i tacchi alti. Per chi porta i tacchi può essere difficile persino entrare e uscire dall'auto. Un'altra cosa: quando posate il rivestimento, accertatevi che nei blocchi ci sia abbastanza spazio da lasciare circa due centimetri di spazio fino alla cima dei blocchi una volta compattato il suolo, per lasciare crescere gli steli. I blocchi di rivestimento completamente pieni sono comodi per camminare, ma l'erba viene rovinata da scarpe, pneumatici e persino rasaerba: l'area che volevate vedere verde diventerà ben presto marroncina.

Bordatura del prato
La bordatura del prato può essere scomoda, ma ci sono molti modi di risparmiare almeno un po' di tempo. Se non fate assolutamente nulla con i bordi del prato, le varietà infestanti di erba nel prato si diffonderanno nelle aree circostanti. Così il lavoro aumenterà ancora. Se usate pietre per marcare i bordi del prato, è meglio usare quelle di malta. Quando il rasaerba vi passa sopra, non si sposteranno facilmente, e le erbe infestanti non potranno insinuarsi nelle intercapedini tra le pietre. Altrimenti, uno dei modi più comodi per gestire il bordo del prato è usare un bordatore per prati a batteria con impugnature lunghe. Questo significa che non dovrete camminare carponi per ore per finire il lavoro.

Rinnovare il prato
Se dopo l'inverno ci sono zone vuote nel vostro prato, di solito è perché la gente ci ha camminato sopra quando erano coperte di brina, ghiaccio e neve. Anche correndo veloci sul prato si possono lasciare macchie brune dove il piede tocca terra. Per togliere le impronte dei bambini spesso basta scarificare. I vuoti vengono riempiti rapidamente con nuove crescite e, se necessario, potete piantare nuovi semi. Potete rimuovere le aree senza erba più grandi con una vanga piatta, smuovere il terreno e trapiantare sezioni di prato. Di solito non vale la pena comprare prato in rotoli. Prendete semplicemente qualche centimetro quadrato di erba dal bordo, dove non si nota. Può essere necessario un rinnovamento più esteso, o una risemina completa, se state lottando contro le erbacce.

Lombrichi nei prati
Cari lettori della Newsletter GARDENA, avete ragione quando dite che i residui lasciati dai lombrichi sono una piaga. Ma questo è il prezzo da pagare in cambio del lavoro svolto da queste creature: la creazione di un terreno sano per il giardino. Non c'è un modo di liberarsi dei lombrichi che abbia efficacia sicura. L'unica opzione è un'annaffiatura intensiva, per far uscire i lombrichi allo scoperto e raccoglierli uno per uno. Poi potete passare all'orto. Ma ne vale la pena? E serve a qualcosa, sul lungo periodo? Questo metodo funziona solo se viene usato al momento giusto, prima che si accoppino e depongano le uova in giugno.

Prato in rotoli
Il prato in rotoli è davvero affascinante: può essere costoso, ma ha i suoi vantaggi. Nei prati di casa più piccoli in particolare, ma anche nei prati sportivi, risolve i problemi con pochi minuti di lavoro. Dovete semplicemente spianare la superficie, sgranarla un po' e srotolare le strisce una vicino all'altra. Potete camminare immediatamente sul prato, e potete metterlo sotto stress dopo aver aspettato due settimane per lasciare che le radici facciano presa. Il prato in rotoli prolunga il periodo per la posatura del prato: potete cominciare all'inizio della primavera perché non dovete aspettare le temperature per la semina; inoltre, potete posare l'erba nel tardo autunno anche quando le temperature son di nuovo scese sotto il livello di semina.

Un prato a prova di ombra
Lasciate perdere! Qualunque cosa vi dicano, nessun prato tollera bene l'ombra. Tutti i tipi di erba hanno bisogno di sole. Solo alcune erbe hanno foglie più grandi e riescono a crescere leggermente meglio in luoghi meno soleggiati. Tuttavia, con ombre più fitte, anche questi tipi di erba non crescono in modo soddisfacente. Nei luoghi molto ombreggiati, il muschio soffoca la crescita dell'erba. Come abbiamo detto: lasciate perdere i prati "a prova di ombra", qualunque cosa ci sia scritta sulla confezione!

Altezza di taglio
Dopo aver seminato i semi nuovi, tagliate l'erba quando gli steli raggiungono circa gli otto centimetri. Tagliatela a circa cinque centimetri ora; quando viene tagliata per la terza o quarta volta ed è più spessa, potete passare gradualmente ai tre centimetri. Non c'è nessun vantaggio a far crescere il prato molto alto per poi tagliarlo subito. Gli steli devono avere una certa lunghezza per permettere la fotosintesi; per questo è meglio tagliare l'erba poco e spesso piuttosto che tutta in una volta. Per ciascun taglio, una buona regola è accorciare lo stelo di metà o due terzi, fino a 2,5 - 3 centimetri. I prati in zone meno soleggiate possono essere lasciati un po' più alti, fino a una lunghezza dello stelo di cinque centimetri circa.

Tecnica di taglio
Non c'è una vera e propria tecnica ideale di taglio. Abbiamo già affrontato in parte questo problema con le informazioni sulla lunghezza di taglio: meglio poco per volta che tutto in una volta. Ogni volta che tagliate, cambiate direzione di taglio. Altrimenti spingerete lo stelo sempre nella stessa direzione e l'erba tenderà a intrecciarsi di più. Se di solito tagliate verso destra, alternate con un taglio verso sinistra. A volte è utile tagliare in diagonale, cambiando lato. Se volete una decorazione a strisce come nei campi da calcio, per esempio, vi servirà un rasaerba con un rullo sul retro. Il rullo appiattisce l'erba in una direzione, rendendo visibile il lato inferiore, lucido e chiaro. Con questa tecnica potete tracciare strisce, quadrati o cerchi sul prato.

Estirpare le erbacce
Potete usare diverse tecniche. Le erbacce più piccole come la veronica e il trifoglio bianco possono essere rimosse con uno scarificatore manuale. Usatelo spesso per disturbare spesso le piante, impedendone la crescita fino a farle appassire. Per le aree più grandi, usate uno scarificatore più grande più volte. Altre erbacce, come tarassachi e margherite, possono essere rimosse con un estirpatore o un vecchio coltello da cucina. Con un po' di costanza, potrete rimuovere molte erbacce dal giardino con mezzi meccanici. Se la situazione è preoccupante, potete usare un erbicida per eliminare le erbacce. Se il prato è completamente invaso dalle erbacce, significa che queste hanno preso il sopravvento sui semi di erba perché le condizioni sono più favorevoli per la loro crescita. In questo caso, il problema è grave. Il suolo può essere troppo compatto (indicato dalla presenza di piantaggine maggiore), oleoso e umido (margherite e tarassachi), molto povero (trifoglio bianco) o troppo acido (muschio). Considerate l'ipotesi di rimuovere completamente queste aree, creando un terreno più vantaggioso per il prato, e riseminare completamente l'area o coprirla di prato in rotoli. Tuttavia vi consigliamo di consultare un giardiniere nella vostra zona, perché è difficile valutare professionalmente una superficie senza studiarla nel dettaglio. Consiglio: soprattutto nei casi più gravi e per i prati più grandi, non rivolgetevi al primo giardiniere. Sceglietene uno che abbia molta esperienza con i prati, per esempio uno specialista in campi da golf, invece di qualcuno che sa soltanto posare muri in pietra naturale e scavare laghetti.

Topi campagnoli
Una volta eliminate le maledette talpe, spesso ci si ritrova invasi dai topi campagnoli. I topi mangiano qualsiasi cosa nel giardino, senza farsi fermare da verdure, bulbi o radici degli alberi. Saranno anche animaletti carini, ma l'unica soluzione sono le trappole. Potete usare trappole non letali, se preferite. È facile distinguere quale animale ha scavato nel giardino: le talpe fanno buchi ovali larghi (spostano la terra ai due lati del corpo) mentre i topi fanno buchi ovali più stretti (spingono la terra indietro, sotto di loro).

Scarificazione
La scarificazione è un'ottima idea, perché permette di dare una bella ripulita all'erba una, due o tre volte l'anno. Togliendo la torba, la parte inferiore del'erba riceve aria e luce di nuovo e dà più vigore agli steli. Il concime può raggiungere di nuovo le radici e non alimenta il muschio e i batteri della decomposizione della torba. Inoltre, aiuta a combattere le erbacce. Scarificate per la prima volta a marzo, poi tra metà e fine maggio e una terza volta a inizio settembre. A ogni scarificazione, come per la rasatura, cambiate la direzione da cui provenite e ogni tanto procedete in diagonale, come abbiamo spiegato nella sezione per la migliore tecnica di taglio. Dopo la scarificazione, aggiungete calcare e concime e seminate di nuovo nelle zone vuote, se necessario. Il miglior momento per l'arieggiatura è dopo la scarificazione.

Commenti