Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare in questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori delucidazioni, leggere quanto segue I cookie

Speciale potatura

Dopo la scorsa Newsletter GARDENA, abbiamo ricevuto molte domande sulla potatura d'autunno. Non possiamo certo sostituire un manuale per esperti. Tuttavia, vi offriamo volentieri qualche consiglio utile.

Cosa deve andarsene?

- Tutto il legno secco o malato (rami colpiti dalla Monilinia fructicola nei ciliegi, cancro delle pomacee sugli aceri, ecc.)

- I rami in competizione, se sfregano l'uno sull'altro e si lesionano la corteccia, anche solo potenzialmente

- Tutto quello che intralcia il cammino e potrebbe impedire alle persone di camminare in sicurezza sui sentieri d'inverno

- I getti teneri sulle cime e i boccioli non sviluppati, i boccioli aperti e gli steli floreali (p. es. su caryopteris, perovskia, rose e alberi delle farfalle)

- Le foglie morte in cespugli ed erba. Attenzione però: l'erba e gli steli floreali molto maturi o coperti di neve possono essere molto belli nei giardini d'autunno/inverno, soprattutto se illuminati dalle luci da giardino GARDENIA. Inoltre, gli insetti da giardino trascorrono l'inverno nella parte cava della paglia e degli steli floreali. Pertanto, valutate la situazione ed eventualmente tagliateli in estate.

Cosa lasciare?

A questo stadio dovete tagliare con moderazione. Il gelo può danneggiare i tagli ma anche risalire lungo i rami. Perciò se tagliate fino al livello della primavera e la pianta viene danneggiata dal gelo, non avrete libertà per correggere in primavera. Tagliate un po' meno in modo da avere ancora margine di manovra in primavera per prendervi cura delle piante.

Note su alcune varietà diffuse

Siepe di bosso Il bosso è un sempreverde e può essere a rischio di gelo. Pertanto va tagliato nella forma desiderata solo in primavera. Il bosso può reggere una potatura fino al legno più vecchio in primavera e ritornare a crescere. Quando inizia di nuovo a crescere, aggiungete un po' di concime e date forma ai rami quando sono lunghi circa 5 cm. Vedete anche Piante da siepe.

Cotonastro I cespugli di cotonastro sono molto resistenti al gelo. Possono essere tagliati secondo la forma del giardino con un tagliasiepi. La pianta può reggere una potatura fino al legno più vecchio, ma in questo caso è meglio attendere la primavera. Le piante giovani devono essere potate in primavera a metà della lunghezza dei rami dell'anno precedente, per avere una struttura più compatta e una migliore diramazione.

Tasso Regge benissimo la potatura anche fino al legno più vecchio. Idealmente va tagliato in primavera perché in inverno le conifere danno riparo dal vento e offrono protezione per gli uccelli.

Lillà Non ha quasi bisogno di essere potato. Spesso risponde alla potatura con una crescita decisa, il che può portare a diramazioni non controllate nella sede di dressing. Regge alla potatura fino al legno più vecchio; meglio procedere in primavera.

Se decidete di potare, tagliate i rami e rametti più vecchi a una lunghezza uniforme ovunque. Se volete promuovere una nuova crescita, tagliate i rami più lunghi a metà; non accorciateli. Lasciate solo i 5-7 rami più forti. Potate i cespugli più vecchi fino a 30-50 cm se necessario per rafforzare il cespuglio con la nuova crescita in 2-3 anni.

Fico Potatelo in primavera, perché congela facilmente. I frutti per il 2009 sono già visibili. Pertanto vi consigliamo di potarlo solo di poco in primavera. Quindi concentratevi sulla forma e sullo sfoltimento. Come i cotogni, gli alberi di fico non rispondono bene alla potatura. Non aumentano le diramazioni se tagliate i getti superiori dell'ultimo anno. Solo i rami cresciuti per un anno possono essere incoraggiati a produrre diramazioni se vengono potati nel punto adatto.

Erba Non dovete tagliarla ora; legatela, se necessario, e tagliatela in primavera. In questo modo il cuore della pianta resta protetto dal gelo e dall'umidità d'inverno come è necessario, per esempio, per l'erba della Pampa.

Siepi Non potatele in autunno! Per le siepi giovani: prima potatura a maggio/giugno, seconda in agosto/settembre. Per le siepi più vecchie, un taglio dopo la seconda crescita (a fine giugno) può essere sufficiente. È meglio tagliare le siepi di conifere prima che producano nuovi getti, in modo che il taglio guarisca velocemente. Alcuni länder tedeschi hanno direttive su quando potare o non potare le siepi (per proteggere la cova e gli uccelli neonati). Per maggiori informazioni, rivolgetevi alle autorità locali (dipartimenti del verde pubblico e autorità preposte alla protezione dell'ambiente). Quando tagliate le siepi, cercate di dare una forma inclinata ai lati che impedisca alla parte inferiore di essere troppo spoglia. Per ogni 100 cm verso l'alto, ciascun lato deve rientrare di circa 10 cm (ovvero in totale la siepe deve essere più stretta di 20 cm).

Cespugli di ribes Nel 2009, i getti leggeri del 2008 con lo spessore di una matita daranno buoni frutti; questi getti devono essere liberati con la potatura (in primavera). Allo stesso tempo, la potatura deve promuovere i getti del 2009 (che saranno i rami da frutto del 2010). Sfrondate i cespugli rimuovendo le crescite fitte e scure con più di 3 anni di età (appena sopra il suolo o al livello del suolo, se la diramazione è buona). Tosate le siepi potando i getti al livello di diramazione richiesto. Lasciare solo da 5 a 7 dei più resistenti getti a livello del suolo, senza accorciarli.

Ciliegi Sfoltite i ciliegi ornamentali in primavera dopo la fioritura. I ciliegi da frutto devono essere potati immediatamente dopo la raccolta in giugno/luglio. Tagliateli o sfoltiteli solo un poco! Una potatura eccessiva farà colare la resina, che può uccidere le piante in pochi anni.

Alberi di kiwi Lasciate da tre a sette rami laterali sul ramo verticale principale (secondo il sistema di sostegni dell'albero di kiwi): sono i rami principali che daranno frutti. I germogli dei rami da frutto spunteranno da questi rami principali. Accorciateli in estate fino a otto-dieci foglie a cominciare dalla prima foglia sopra i frutti. A fine inverno, accorciate gli stessi rami a tre-cinque gemme e anche qui spunteranno nuovi rami da frutto. Ogni tre-quattro anni, rimuovete questo complesso di rami ormai vecchio dal ramo principale e sostituitelo con un ramo da frutti giovane.

Salix matsudana Il momento migliore per potarlo è l'estate; in inverno il gelo risale soprattutto lungo i rami più sottili. Lo noterete in estate e potrete potarli allora. Questo albero può reggere una potatura leggera o molto intensa, anche fino al legno più vecchio.

Ligustro Regge benissimo la potatura, anche fino al legno più vecchio a un solo palmo dal suolo. Altrimenti, seguite gli stessi accorgimenti delle siepi.

Ulivo È meglio potarlo in primavera. Quindi sfoltite rimuovendo i vecchi getti o rami troppo fitti. Riducete la lunghezza dei getti tagliando a un altro ramo più interno e proseguite in modo uniforme. Regge alla potatura più decisa fino al legno più vecchio in primavera. L'ulivo risponde a una potatura molto netta producendo getti molto lunghi. Sfoltiteli lasciando pochi rami strutturali.

Susini Non potateli in autunno; tagliate a fine inverno prima che crescano le gemme in marzo.

Rododendro Accorciate i rami a fine fioritura, tagliando fino a un ramo più basso adatto. Alternativamente, potate fino al legno più vecchio; i rododendri più forti reggono molto bene la potatura.

Rose Potate di un terzo tutte le rose da aiuola, le rampicanti e i cespugli. Potate con cura in primavera. Lasciate i frutti sulle rose selvatiche come decorazione e sfoltite in primavera invece di potare ora.

Pino a ombrello giapponese Non regge bene la potatura a causa della sensibilità al gelo; potate solo in primavera. Tagliate i getti fino a un ramoscello adatto. Il getto sarà più corto ma resterà una fronda verde come legno di tensione.

Viburnum opulus Eccetto per la varietà Guelder Rose, potate solo in primavera. Altrimenti, potate come il lillà.

Buddleia In autunno, accorciate solo tra un terzo e metà; non tagliare di più per evitare danni dovuti al gelo (v. sopra). Potate con cura (sfoltite e riducete di circa 50 cm) in marzo/aprile prima che inizi la crescita.

Piante in vaso



Agrumi
Potate solo in primavera; sfoltite e regolate uniformemente se necessario per incoraggiare nuove crescite e un'abbondante fioritura (p. es. fiori d'arancio su legno di un anno).

Trombe degli angeli: potare poco prima dell'inverno. Più tagliate ora, più tardi fiorirà la pianta nell'anno nuovo, perché deve prima formarsi il getto per la fioritura.

Solanum rantonettii: tagliate di un terzo ora ed eseguite la potatura strutturale in primavera. Può essere tagliato fino al legno più vecchio.

Oleandro Regge molto bene la potatura: può essere tagliato fino al legno più vecchio in primavera. Tuttavia è sempre meglio potare fino a una biforcazione in modo che restino i getti con foglie come legno di tensione. Inoltre, alcune varietà di oleandro si diramano meglio di altre dopo la potatura. L'oleandro normalmente deve essere potato immediatamente dopo la fioritura. Se lo potate ora in autunno, potreste togliere le gemme dell'anno successivo.



Lantana camara
Come il Solanum rantonettii.

Citronella Le piante di citronella normalmente non vengono potate perché diventano più belle di anno in anno. Tuttavia, se necessario potete potare di un palmo abbondante. È meglio procedere in primavera.

Commenti