Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare in questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori delucidazioni, leggere quanto segue I cookie

Magici fiori dal lontano oriente

Mentre il giardino sogna nel suo sonno d'inverno, le camelie con il loro gioco di mille colori e forme ci imprigionano nel loro incantesimo.

Ispiratrici e sontuose

La Camellia japonica, per usare il nome latino, è un simbolo di immortalità. È stata l'imperatrice Giuseppina di Francia a lanciare la moda delle camelie; oggi, è l'emblema e il fiore preferito di Coco Chanel. I suoi fiori affascinanti, che ricordano le rose selvatiche, hanno ispirato autori, compositori e pittori: il romanzo di Alexandre Dumas "La signora delle camelie" provocò un boom delle camelie in Francia nel 19° secolo. Anche Giuseppe Verdi, che compose la storia delle cortigiane il cui emblema era la camelia nella sua opera "La traviata", non è senza colpe nel diffondere la reputazione mondiale di questo fiore esotico. La pianta prende il nome dal missionario gesuita Camel, che nelle sue lettere ne descrisse in dettaglio la bellezza. Tutte le camelie appartengono alle Theaceae, una famiglia di piante da fiore. La Camellia sinensis (la pianta del tè) è la più conosciuta, assieme alla specie ornamentale, la Camellia japonica. Non è certo una sorpresa, quindi, se l'impero britannico ha messo gli occhi sulle sue preziose foglie dalla metà del 18° secolo quando importava grandi quantità di tè dalla Cina, probabilmente per spezzare il monopolio cinese sul tè e coltivare in seguito per sé la bevanda nazionale. A questo scopo corruppero i cinesi, che a loro volta superarono in astuzia i mercanti inglesi vendendo loro la varietà ornamentale, la Camellia japonica, invece della pianta del tè.

Rose d'inverno per il giardino e la veranda

Queste bellezze asiatiche sempreverdi crescono nell'Asia orientale da più di 1.000 anni in boschi ben assolati e vicini al mare. A volte le si trova ad altezze fino a 3.000 metri dove le estati calde e umide si alternano a inverni gelidi e nevosi. Difficili e complesse da coltivare? Non necessariamente! Nell'ambiente giusto possono durare molto a lungo e diventare sempre più belle con l'età. Queste piante si sentono a proprio agio in posizioni luminose e ombreggiate del giardino, in suolo poroso e ricco di humus. In inverno devono essere protette dalla brina e dall'eccesso di sole con bambù o tela. Le camelie in vaso possono sopportare gelate notturne fino a – 5 °C. Se il clima si fa ancora più rigido, devono essere portate un casa per poter fiorire in abbondanza a una mite temperatura tra 5 e 10 °C, in aria umida e con molta luce.

Commenti