Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare in questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori delucidazioni, leggere quanto segue I cookie

Comincia la fioritura!

Se i vostri fiori stanno già sbocciando nelle aiuole, un po' di lavoro al momento giusto può renderli ancora più belli, oppure far durare ancora più a lungo la bellezza dei fiori e farla riapparire il prima possibile. Ora vi daremo qualche consiglio per la cura dei vostri cespugli e aiuole.

Informazioni interessanti per la cura di cespugli e aiuole

È stupefacente! C'è ancora gente che ama i fiori ma dice: "Basta con le aiuole, c'è troppo da lavorare". OK, c'è un po' da lavorare, questo sì. Ma le aiuole, e in particolare quelle di cespugli, sono così facili da curare: l'atteggiamento di certi giardinieri per cui sembra necessario lavorare in continuazione mi lascia davvero stupefatto.

Confrontiamo un'aiuola di cespugli con un prato: il prato va rasato almeno ogni dieci giorni tra metà marzo e metà ottobre - sei mesi, quindi - il che significa 18 o 20 volte. A seconda delle dimensioni del prato, per questa operazione occorrono da 30 minuti a due ore, in totale occorrono da 10 a 40 ore, senza contare il lavoro aggiuntivo come la concimazione o la scarificazione. Questo significa che un prato richiede almeno una settimana di lavoro all'anno.

Le aiuole, che ospitano fiori stagionali e cespugli, non hanno bisogno di tanto tempo. Se vengono piantate in modo da usare piante adatte per il luogo specifico (e perciò che crescano sane e forti) e se sono a distanza ravvicinata, è facile prendersene cura. Per "distanza ravvicinata" si intende che le foglie di due piante vicine si toccano (per i cespugli, questo avviene al più tardi entro il secondo anno). In questo modo fanno ombra al suolo, impedendo alle erbacce di germogliare e facendo evaporare più lentamente l'umidità del suolo.

Un semplice confronto tra i tempi di lavoro, come il precedente, mettono in prospettiva le aiuole e le fanno sembrare molto meno faticose. Questo rende molto più piacevole l'idea di creare un mare di fiori nel vostro giardino. Datevi da fare e noi vi aiuteremo!

Come rendere più facile l'annaffiatura

I cespugli prosperano in ambienti naturali umidi o molto secchi. Per il vostro giardino, questo significa che se scegliete i cespugli giusti per la vostra aiuola, cresceranno quasi senza bisogno di annaffiarli se non in caso di condizioni estreme, quando le piante hanno bisogno di un po' di aiuto. La scelta delle piante e del metodo per piantarle è decisiva: come abbiamo già detto, la parola chiave è "distanza ravvicinata".

Per non annaffiare senza troppa fatica, pacciamate le aiuole con compost di corteccia o ghiaia secondo quanto richiesto dal vostro progetto. Inoltre, per lavorare meno, può essere utile installare un sistema di irrigazione automatica.

Se volete o dovete comunque annaffiare, questo è il modo migliore: annaffiate solo quando le piante iniziano ad appassire, perché a quel punto il problema è serio. Fino a quel momento, la natura sa sbrigarsela da sola. Questo vale per le piante mature ma non durante la crescita, che dura fino a un anno. Invece di portasi dietro annaffiatoi a serbatoio, è più facile annaffiare con un tubo e una lancia a spruzzo, per poter raggiungere comodamente l'aiuola e le piante.

Il momento migliore per annaffiare è il primo mattino, o in alternativa la tarda sera. Quest'ultima non è l'alternativa ottimale perché è meglio che le piante non affrontino la notte bagnate, perché questo promuove la crescita di funghi. In generale, per l'annaffiatura, è meglio evitare di bagnare le foglie e, in particolare i fiori proprio per questo motivo. Durante il giorno, annaffiate solo in caso d'emergenza e con acqua tiepida. Se annaffiate le piante calde con acqua di rubinetto, troppo fredda, le radici si raffredderanno proprio quando devono funzionare al meglio. Quantità d’acqua: è meglio più acqua più raramente che meno acqua più spesso. Per essere chiari: annaffiate abbondantemente e in modo mirato, nello specifico circa 10 litri d'acqua per metro quadro.

Consiglio: se usate acqua piovana, non dovrete pagare l'acqua delle utenze pubbliche e la rispettiva acqua di scarico. L'acqua piovana è molto abbondante. Per esempio, se le precipitazioni nella vostra zona sono di 700-800 mm per anno, significa 700-800 litri di pioggia al metro quadro. Equivale a una cisterna d'acqua gratis per ciascun giardino ogni anno!

Fertilizzare i fiori da giardino non è per niente complicato!

Le regole fondamentali per fertilizzare correttamente il giardino sono nello Speciale fertilizzazione della Newsletter GARDENA. Ci limiteremo a riassumerle qui.

Nei giardini con cespugli, la fertilizzazione dipende per lo più dalla quantità di foglie e fiori prodotta dalle piante. Io fertilizzo i cespugli per il giardino alla giapponese solo qua e là con una manciata di farina animale o un po' di compost (appena un litro per metro quadro). Per i cespugli da aiuola a crescita intensa consigliamo circa 50 grammi di concime composto per metro quadro in primavera (verso marzo/aprile). In alternativa, concimateli con circa tre litri di compost per metro quadro. Per i cespugli a crescita meno intensa bastano 30 grammi o 1,5 litri. A metà giugno potete concimarli una seconda volta con una quantità leggermente minore.

Valgono regole simili per le aiuole con fiori annuali o biennali. Tuttavia, dato che queste piante devono formare molte foglie e fiori in poche settimane, dovrete ovviamente stare attenti ai tempi con il concime. Oltre a concimare le piante con circa 50 grammi di concime composto (concime per piante da fiore) per metro quadro quando vengono piantate, concimate una seconda volta (40 grammi o da 1,5 a 2 litri di compost) a fine giugno e una terza volta (40 grammi o da 1,5 a 2 litri di compost) nei primi giorni di agosto. Per un risultato ottimale, concimate in giornate umide e nuvolose. Altrimenti, procedete quando annaffiate le piante. Non dimenticate di far penetrare il concime con un rastrello, anche se usate il compost.

Travature nelle aiuole di cespugli: come fare?

Se i cespugli in aiuola o isolati hanno raggiunto dimensioni critiche, vento e pioggia possono facilmente sradicarli, piegarli e spezzarli. Per tenere fermi i cespugli da aiuola potete usare legature ad anello per cespugli, che devono essere fissate ben prima che ce ne sia bisogno. Le legature ad anello sono molto più belle sulla pianta che sulle fibre di corteccia o sui tiranti. Inoltre devono essere legate in modo da avvolgersi attorno a due rami opposti del cespuglio, dato che altrimenti i fili legati possono scivolare lungo lo stelo fino a terra. Alcune idee da provare: Piegate un ramo spoglio di salice ad anello o a ghirlanda e fissatelo a un palo. Ora avete un sostegno per cespugli fatto a mano con un look classico e rustico. Se volete un look ancora più rustico e volete tornare alla natura: prendete rami di nocciolo lunghi più di un metro; piantatene tre, quattro o cinque attorno al cespuglio, quindi piegatene le punte attorno al cespuglio in modo da poter inserire le punte in una buca praticata con una vanga. Coprite la buca una volta inserite le punte. Se la tensione di piegatura è troppa, spezzate semplicemente il ramo. Ben presto il cespuglio crescerà attraversando questo tetto di rami accogliente ed ecologico, che lo sosterrà.

Che fare per le erbacce? E per la sambuchella?

Sono poche le erbacce che germogliano in un'aiuola con cespugli, se sono piantati abbastanza vicini l'uno all'altro e pacciamate se necessario. Potete sempre zappare tra un ramo e l'altro per disturbare la crescita delle poche erbacce che germogliano. State attenti, però: alcuni cespugli, come l'hosta per esempio, hanno radici molto vicine alla superficie che possono essere rovinate dalla zappa.

La sambuchella è un problema frequente nelle aiuole di cespugli e si diffonde dappertutto. Rimuoverla è estremamente difficile. Quando le estirpate, restano sempre pezzetti di radice nel suolo che ricrescono e formano nuove piante di sambuchella.

Un tempo era necessario rimuovere completamente tutta la sambuchella e ricreare l'aiuola da zero. Ora abbiamo un erbicida biologico della ditta Neudorff che è letale per la sambuchella (Finalsan GF GierschFrei). Se con un po' di pazienza lo spargete sulle singole foglie di sambuchella, la vedrete appassire in poche ore senza che le altre piante ne siano intaccate.

I cespugli vanno tosati?

In un giardino estivo, la tosatura non è strettamente necessaria. Se volete evitare la formazione di semi e la semina naturale, togliete i fiori tosandoli. La crescita di delfinio, aconito, salvia, erba gatta e margherite può essere incoraggiata tagliando lo stelo del fiore ai primi stadi in modo che possa rigenerarsi e fiorire di nuovo non oltre l'autunno. Io lascio ritirarsi i cespugli che si ritirano in estate e appassiscono con il tempo, come il Cuore di Maria, prima di rimuovere le foglie appassite - anche se non hanno un bell'aspetto quando sono appassite. Lasciare che le piante facciano appassire le foglie le rinforza quando entrano in fase quiescente.

Per un giardino migliore: dividete i cespugli

In tarda estate (anche dai primi di settembre, secondo il clima), potete dividere una serie di cespugli, specialmente iris reticolati e margherite, per esempio, per rinvigorirli. Solo i cespugli molto resistenti, come le peonie, possono essere lasciate nello stesso posto per anni.

Il tempo della divisione è anche un tempo di condivisione: regalate agli amici che amano il giardinaggio i cespugli che non volete tenere per voi. Così porterete un po' di gioia a tutti e rafforzerete l'amicizia, oltre ad arricchire la varietà di piante in ogni giardino.

Come far sbocciare ancora meglio i fiori estivi

Se seguite sempre le informazioni sulla fertilizzazione e annaffiatura delle aiuole che contengono piante a fioritura annuale estiva, avete già fatto il passo più importante: una fornitura continua di acqua è particolarmente vitale per i fiori a lunga durata. Per le varietà che non reggono bene il calcare e hanno bisogno di molto ferro, come petunia, ebe, bacopa e margherita di Sant'Agata, possono comparire i sintomi della carenza di ferro (foglie più giovani ingiallite, venature delle foglie ancora verdi alla radice). Questo è particolarmente probabile in suoli molto argillosi e quando si usa acqua dura. Trattate le piante con un concime ferroso procurato da un rivenditore specializzato e seguite le istruzioni.

In agosto, alcune piante (come la scaevola o le varietà più vecchie di petunia) possono essere in piena fioritura mentre altre sono del tutto scomparse (come la lobelia e la salvia) al vostro ritorno dalle vacanze. È meglio rimuovere le piante morte dalle aiuole. Coprite le zone spoglie con erba e cespugli da prato, per esempio, per passare da un'aria da tarda estate a un'atmosfera autunnale. Inoltre, nel caso dei fiori estivi e in particolare di fucsia, lantana, geranio, nemesia, diascia, scadoxus e bidens ferulifolia, non lasciate andare a seminatura queste piante perché il cambiamento ormonale le porta a produrre meno fiori.

Per essere certi di avere qualcosa ogni anno: le piante biennali

Ricordate che le piate biennali devono essere seminate presto se volete che decorino il vostro giardino il prossimo anno. Tra queste piante ricordiamo garofano dei poeti, finocchio, digitale, viperina azzurra, cotonaria, cardo mariano, verbasco e alcune genziane.

Ora è anche il momento per seminare violette e viole del pensiero per l'anno prossimo, e non scordate le margherite da giardino dall'ampio fiore e i nontiscordardime.

Verdure ornamentali e fiori commestibili

Se coltivate verdure ornamentali come la barbabietola dalle foglie multicolori ed erbe aromatiche come l'acetosa a foglia rosa, non dimenticate di coglierle. Le tenere foglioline di queste piante sono spesso ottime per la cucina: i due esempi che abbiamo citato sono delizie culinarie che potete raccogliere ogni giorno. Se si formano steli di fiori, toglieteli non appena compaiono. Altri fiori possono invece essere portati direttamente dall'orto alla cucina: le belle di giorno possono essere usate come i fiori di zucca, per esempio con l'insalata di pollo: una delizia! Le varietà di belle di giorno hanno sapori diversi. Le varietà "Crimson Pirate", "French Lingerie", giallo limone e giallo sono tutte buone da mangiare. I fiori di bella di giorno e dalia, assieme alla borragine e/o ai fiori di tagete, per esempio, sono ottimi per migliorare l'aspetto e il sapore delle colorate insalate estive. Personalmente, preferisco il sapore dei fiori di dalia più chiari rispetto a quelli scuri, che trovo troppo amari, secondo la varietà. Cogliete un fiore di dalia e assaggiatelo: ha il sapore della lattuga, solo un poco più intenso.

Commenti